Ideali e azioni per la collettività

Immagine

Questo blog ha la funzione di portare all’attenzione di tutti coloro che vogliono spendersi per una Capo d’Orlando più libera, vivibile e all’insegna del pluralismo, fatti azioni e proposte concrete per far si che questa terra possa sfruttare al meglio tutte le potenzialità che una natura generosa gli ha riservato.

Continua a leggere

educare alla legalità . . . ed altro . . .

Fare rete, per dimostrare come la sinergia tra attori diversi permette risultati molto positivi a fronte di un impegno diffuso.

Accrescere e diffondere la cultura della legalità e della cittadinanza attiva negli adolescenti;

  • Accrescere la conoscenza e l’accettazione consapevole delle regole sociali e delle norme giuridiche;
  • Conoscere le istituzioni e le leggi che garantiscono i diritti ;
  • Aumentare la conoscenza dei fattori macro-sociali che agiscono da antidoto alla criminalità;
  • Promuovere pratiche di mediazione dei conflitti sociali, di educazione alla convivenza e della coesione sociale;
  • Sensibilizzare, informare e far riconoscere ai ragazzi il fenomeno del cyber bullismo ed i pericoli della rete. Istruire gli adolescenti in merito alle strategie comportamentali per ridurre i rischi di esposizione;
  • Fornire gli strumenti per la valutazione delle conseguenze dei reati specifici ed i rischi conseguenti per sé e per gli altri;
  • Sviluppare la capacità di agire e partecipare ai processi di cambiamento e diffusione della legalità e della coscienza civile.

Il metodo della classe capovolta

flipnet2

Fonte : da consultare https://www.tuttoscuola.com/classe-capovolta-quali-pilastri/

Dobbiamo quindi individuare quelle attitudini e quegli schemi che trasformino o creino situazioni diverse dalle attuali assumendo un atteggiamento, presente, attivo e consapevole.

Formare un team e riuscire a lavorare in armonia con persone nuove migliora il clima di lavoro e di conseguenza aumenta i vantaggi anche in termini di produttività.

L’innovazione sociale insegna ! a fare la differenza non è la natura ma la scala delle sfide che si vogliono affrontare e rispetto alle quali misurare la capacità di apportare cambiamenti positivi e duraturi che fondino, o contribuiscano a fondare, un nuovo sistema.

Da soli non ci si salva !!     

con il buonsenso possiamo costruire le condizione per condivisione e meritocrazia.      

           accelerare l’innovazione e sviluppare Il buon senso

Cerchiamo volonterosi per costruire un pezzo di mondo migliore, una piccola Comunità impegnata ad inventare nuovi modi di pensare, abitare e vivere, aprirsi al lavoro produttivo. Abbiamo idee e progetti ! da proporre ! 

Creare una squadra di persone curiose, creative ed intraprendenti che prima di tutto vogliono scoprire il mondo e fornire le migliori risposte ai problemi che incontrano.

CURIOSI - CREATIVI - INTRAPRENDENTIATTIVI NEL REALIZZARE

Dalle visioni alle strategie, dalle strategie ai progetti - alle realizzazioni.

Organizzazione no profit :

– tel. mobile 347-4629179  e-mail : comitato@trazzeramarina.it

 

 

 

 

cosa dovremmo chiedere . . .

Controlli coordinamento e rispetto delle regole sono un esigenza fondamentale per qualsiasi realtà economica. Essi rappresentano la punta di un iceberg dove la parte sommersa è composta da tutto ciò che struttura un’impresa, dal know-how al prodotto finale, dai processi di produzione ai lavoratori. Non solo, il brand veicola messaggi riguardanti la qualità, la rispettabilità e i livelli di innovazione del business stesso cui il consumatore si affida quando deve effettuare una scelta.
   
Per poter agire efficacemente in questa direzione sono necessari due elementi principali: la consapevolezza da parte degli operatori e dei consumatori dell’importanza dei diritti di proprietà e un ecosistema politico-giuridico in grado di fornire strumenti e tutele adeguati e armonizzati con le esigenze del settore.
   
Le voci di cui si compone fa emergere alcune problematiche:

  1. Il sistema politico instabile non garantisce la continuità della regolamentazione e delle attività di tutela dei diritti;
  2. Esiste uno scarso coordinamento tra i livelli di coordinamento e controllo di tali attività;
  3. Emerge un dualismo tra la facilità di registrare un marchio o un brevetto (tutela de jure) e la capacità di proteggerlo efficacemente.

 
COSA MANCA    Le regole ci sono, così come sta migliorando la propensione dei cittadini a tutelare i propri interessi, sia fisici sia intellettuali. Purtroppo mancano alcune fasi. A partire da quella esecutiva e di controllo, come nel caso della contraffazione, e da quella politica, dominata dalla grande instabilità e dalla mancanza di controlli continui ed efficaci.
 
I nodi illustrati potrebbero essere affrontati con alcune azioni che andrebbero a migliorare i parametri vulnerabili:

  • Informare meglio chi ha potere e autorità di controllo sul valore dei controlli e del rispetto delle regole;
  • Potenziare la Commissione Parlamentare d’inchiesta sui fenomeni del rispetto delle regole e renderle il perno dell’attività legislativa e di monitoraggio permanente;
  • Migliorare e rafforzare il coordinamento delle attività di contrasto al rispetto di esse (centro e periferie amministrative comunicano poco e male e a senso unico);
  • Rivedere la normativa sulla tutela del Made in Italy, partendo da una strategia nazionale che incida sulla regolamentazione, la fase esecutiva e promuova la competitività a livello internazionale;
  • Migliorare la fase di analisi dei dati qualitativa e quantitativa sui fenomeni di violazione delle regole.

Un segnale dal Governo, soprattutto verso le Pmi sarebbe fondamentale nei prossimi anni per migliorare la situazione italiana. Tutelare il rispetto delle regole è migliorare l’ecosistema politico e giuridico a difesa della proprietà e dei diritti significa agire negli interessi non solo delle imprese e del tessuto economico, ma anche del cittadino e della capacità innovativa di un intero Paese.

 Il processo innovativo non è un progetto dai confini definiti, ma un viaggio continuo e in divenire.

Dobbiamo quindi individuare quelle attitudini e quegli schemi che trasformino o creino situazioni diverse dalle attuali assumendo un atteggiamento, presente, attivo e consapevole.

Formare un team e riuscire a lavorare in armonia con persone nuove migliora il clima di lavoro e di conseguenza aumenta i vantaggi anche in termini di produttività.

L’innovazione sociale insegna ! a fare la differenza non è la natura ma la scala delle sfide che si vogliono affrontare e rispetto alle quali misurare la capacità di apportare cambiamenti positivi e duraturi che fondino, o contribuiscano a fondare, un nuovo sistema.

Da soli non ci si salva !!     

con il buonsenso possiamo costruire le condizione per condivisione e meritocrazia.      

           accelerare l’innovazione e sviluppare Il buon senso

Cerchiamo volonterosi per costruire un pezzo di mondo migliore, una piccola Comunità impegnata ad inventare nuovi modi di pensare, abitare e vivere, aprirsi al lavoro produttivo.Abbiamo idee e progetti ! da proporre ! 

Creare una squadra di persone curiose, creative ed intraprendenti che prima di tutto vogliono scoprire il mondo e fornire le migliori risposte ai problemi che incontrano.

CURIOSI - CREATIVI - INTRAPRENDENTIATTIVI NEL REALIZZARE

Dalle visioni alle strategie, dalle strategie ai progetti - alle realizzazioni.

Organizzazione no profit :

– tel. mobile 347-4629179  e-mail : comitato@trazzeramarina.it

 

 

 

 

percorsi didattici – dovrebbero essere progettati . . .

Un sapere che non sia consapevole può essere facilmente simulato: è importante individuare strategie che consentano di rompere quella spirale perversa che talvolta si instaura nel rapporto studente insegnante e che consiste, da parte dello studente, nell’esclusiva ricerca di capire quello che l’insegnante si aspetta e, da parte dell’insegnante, nell’accontentarsi della riproposizione acritica di quanto è stato detto in classe o scritto sul libro di testo.

In questo modo non si costruisce sapere, ma una simulazione del sapere e si creano, magari inconsapevolmente, le condizioni per un distacco dello studente da una partecipazione attiva, motivata e responsabile al processo formativo.

Il riconoscimento della necessità di un sapere consapevole implica una didattica orientata alla costruzione di significato degli oggetti di studio e comporta un mutamento di atteggiamento nei confronti dell’insegnamento apprendimento.

Infatti l’appropriazione di significato richiede il coinvolgimento della sfera cognitiva individuale, ma anche del corpo, delle emozioni e della sfera sociale.

Pertanto è necessario avviare processi di crescita formativa degli studenti che tengano conto, in ugual misura, di aspetti emozionali-affettivi, cognitivi e di interazione sociale.

La necessità di individuare conoscenze e competenze essenziali.

Il compito di offrire a tutti una formazione adatta a una partecipazione attiva alla vita pubblica richiede l’individuazione di nuclei di conoscenze e competenze essenziali che costituiscano una rete concettuale grazie alla quale sia possibile compiere, anche nella vita adulta, nuovi percorsi di conoscenza.

Dobbiamo quindi individuare quelle attitudini e quegli schemi che trasformino o creino situazioni diverse dalle attuali assumendo un atteggiamento, presente, attivo e consapevole.

Formare un team e riuscire a lavorare in armonia con persone nuove migliora il clima di lavoro e di conseguenza aumenta i vantaggi anche in termini di produttività.

L’innovazione sociale insegna ! a fare la differenza non è la natura ma la scala delle sfide che si vogliono affrontare e rispetto alle quali misurare la capacità di apportare cambiamenti positivi e duraturi che fondino, o contribuiscano a fondare, un nuovo sistema.

Da soli non ci si salva !!     

con il buonsenso possiamo costruire le condizione per condivisione e meritocrazia.      

           accelerare l’innovazione e sviluppare Il buon senso

Cerchiamo volonterosi per costruire un pezzo di mondo migliore, una piccola Comunità impegnata ad inventare nuovi modi di pensare, abitare e vivere, aprirsi al lavoro produttivo. Abbiamo idee e progetti ! da proporre ! 

Creare una squadra di persone curiose, creative ed intraprendenti che prima di tutto vogliono scoprire il mondo e fornire le migliori risposte ai problemi che incontrano.

CURIOSI - CREATIVI - INTRAPRENDENTIATTIVI NEL REALIZZARE

Dalle visioni alle strategie, dalle strategie ai progetti - alle realizzazioni.

Organizzazione no profit :

– tel. mobile 347-4629179  e-mail : comitato@trazzeramarina.it

 

l’epoca dell’arroganza ! . . .

Viviamo in un’epoca particolarmente caratterizzata dall’arroganza, dal sopruso e dall’aggressività.
Un numero sempre più grande di persone ritiene che questi aspetti servano per “rimanere a galla”, per non farsi schiacciare dagli altri e da un mondo ostile, per avere successo, per apparire più in alto degli altri.
Questo comportamento è più evidente soprattutto nei giovani e negli imprenditori rampanti che, con il progresso dell’epoca in cui viviamo, sono totalmente cambiati rispetto a qualche ventennio fa.
Questo problema non riguarda solamente i giovani ma anche i genitori che, lasciando quasi piena libertà ai figli, li facciamo diventare padroni della propria vita e quindi credono di sapere tutto, di non aver bisogno dell’aiuto né dei consigli di nessuno e quindi diventano prepotenti se qualcuno cerca di aiutarli.
Oltre che in questo modo, i genitori agiamo negativamente su questo aspetto anche in modo inconscio; ad esempio quando incitamo i figli a vincere in uno sport, ad essere migliore dell’avversario usando anche tecniche di furbizia e cercando di aggirare le regole; oppure quando li convinciamo che a scuola possono fare meglio di alcuni loro compagni.
Questo porta i ragazzi alla competizione, che spesso è sinonimo di arroganza e presunzione; essere convinti di saper fare meglio degli altri.
Inoltre si seguono anche gli esempi che si hanno davanti agli occhi, nella vita quotidiana ad esempio con la televisione: si assiste sempre più di frequente a dibattiti e discussioni volgari e aggressive nelle quali nessuno interviene per moderare termini o fatti.
Anche il web agisce negativamente poiché spesso è usato per sfogare la propria rabbia, a volte anche in maniera anonima, contro qualcuno.
Penso dunque che bisognerebbe riaffermare gli atteggiamenti di gentilezza, comprensione, cortesia e cordialità.
In questo modo si vivrebbe in un Mondo migliore, si limiterebbero le discussioni, i dibattiti, le presunzioni le violenze e prevaricazioni ad ogni costo. 

Dobbiamo quindi individuare quelle attitudini e quegli schemi che trasformino o creino situazioni diverse dalle attuali assumendo un atteggiamento, presente, attivo e consapevole.

Formare un team e riuscire a lavorare in armonia con persone nuove migliora il clima di lavoro e di conseguenza aumenta i vantaggi anche in termini di produttività.

L’innovazione sociale insegna ! a fare la differenza non è la natura ma la scala delle sfide che si vogliono affrontare e rispetto alle quali misurare la capacità di apportare cambiamenti positivi e duraturi che fondino, o contribuiscano a fondare, un nuovo sistema.

Da soli non ci si salva !!     

con il buonsenso possiamo costruire le condizione per condivisione e meritocrazia.      

           accelerare l’innovazione e sviluppare Il buon senso

Cerchiamo volonterosi per costruire un pezzo di mondo migliore, una piccola Comunità impegnata ad inventare nuovi modi di pensare, abitare e vivere, aprirsi al lavoro produttivo. Abbiamo idee e progetti ! da proporre ! 

Creare una squadra di persone curiose, creative ed intraprendenti che prima di tutto vogliono scoprire il mondo e fornire le migliori risposte ai problemi che incontrano.

CURIOSI - CREATIVI - INTRAPRENDENTIATTIVI NEL REALIZZARE

Dalle visioni alle strategie, dalle strategie ai progetti - alle realizzazioni.

Organizzazione no profit :

– tel. mobile 347-4629179  e-mail : comitato@trazzeramarina.it

 

un’economia progettata per auto-rigenerarsi . . .

Un’economia pensata per potersi rigenerare da sola. Un sistema economico pianificato per riutilizzare i materiali in successivi cicli produttivi, riducendo al massimo gli sprechi. In un’economia circolare i flussi di materiali sono di due tipi: quelli biologici, in grado di essere reintegrati, e quelli tecnici, destinati ad essere rivalorizzati. 

Si tratta di scelte radicali rispetto al modello produttivo classico, basato sull’iper sfruttamento delle risorse naturali e orientato all’unico obiettivo della massimizzazione dei profitti tramite la riduzione dei costi di produzione e mano d’opera.

Adottare questo sistema significa rivedere tutte le fasi della produzione e prestare attenzione all’intera filiera coinvolta nel ciclo produttivo. Questa attenzione passa per il rispetto di alcuni principi di base che andrebbero adottati da subito per individuare criteri ed indicatori teorici, che attengono sia alla dimensione economico-ambientale che a quella sociale, creare lavoro produttivo (non assistenziale), innescando un sistema di eco progettazione – modularità è versatilità – energie rinnovabili – recupero dei materiali – approccio eco sistemico.

Dobbiamo quindi individuare quelle attitudini e quegli schemi che trasformino o creino situazioni diverse dalle attuali assumendo un atteggiamento, presente, attivo e consapevole.

Formare un team e riuscire a lavorare in armonia con persone nuove migliora il clima di lavoro e di conseguenza aumenta i vantaggi anche in termini di produttività.

L’innovazione sociale insegna ! a fare la differenza non è la natura ma la scala delle sfide che si vogliono affrontare e rispetto alle quali misurare la capacità di apportare cambiamenti positivi e duraturi che fondino, o contribuiscano a fondare, un nuovo sistema.

Da soli non ci si salva !!     

con il buonsenso possiamo costruire le condizione per condivisione e meritocrazia.      

           accelerare l’innovazione e sviluppare Il buon senso

Cerchiamo volonterosi per costruire un pezzo di mondo migliore, una piccola Comunità impegnata ad inventare nuovi modi di pensare, abitare e vivere, aprirsi al lavoro produttivo. Abbiamo idee e progetti ! da proporre ! 

Creare una squadra di persone curiose, creative ed intraprendenti che prima di tutto vogliono scoprire il mondo e fornire le migliori risposte ai problemi che incontrano.

CURIOSI - CREATIVI - INTRAPRENDENTIATTIVI NEL REALIZZARE

Dalle visioni alle strategie, dalle strategie ai progetti - alle realizzazioni.

Organizzazione no profit :

– tel. mobile 347-4629179  e-mail : comitato@trazzeramarina.it

 

 

cerchiamo figure esperte di gruppo – 1^ iniziativa – no profit

PRIMA INZIATIVA DI FORMAZIONE GRUPPO DI ACQUISTO ORTAGGI KM 0 :

    non profit ;

- produzione limitata a prodotti di stagione biologici produzione non intensiva;

- esperienza del settore con controlli monitorati del coltivato biologico;

- Chi desidera partecipare a questo tipo di attività sociale contattare – vedi fondo pagina ;

Il gruppo di lavoro è diffusamente utilizzato nelle organizzazioni lavorative sia pubbliche che private.

La sua efficacia è sempre più connessa alla capacità di renderlo un momento di scambio, confronto, partecipazione attiva, sulla base di una condivisione degli obiettivi di lavoro o altro, ma anche alla capacità di tenere insieme le difficoltà che le persone hanno nel vissuto sociale.

Nel gruppo si incrociano spinte ed esigenze individuali con richieste ed attese dell’organizzazione.

È importante che si costruiscano le condizioni affinché i diversi componenti del gruppo, con i loro ruoli e soggettività, si riconoscano nella realizzazione del mandato affidato e nel lavoro del gruppo, sperimentando soddisfazioni, condivisioni di fatiche e difficoltà.

Siamo alla ricerca di figure capaci di gestire lo sviluppo di gruppi sociali per coniugare l’analisi delle esperienze portate dai partecipanti, le  proposte e gli inquadramenti relativi alla conduzione dei gruppi, la possibilità di confrontarsi sui diversi tipi di conduzione per differenti gruppi di lavoro.

 

Formare un team e riuscire a lavorare in armonia con persone nuove migliora il clima di lavoro e di conseguenza aumenta i vantaggi anche in termini di produttività.

L’innovazione sociale insegna ! a fare la differenza non è la natura ma la scala delle sfide che si vogliono affrontare e rispetto alle quali misurare la capacità di apportare cambiamenti positivi e duraturi che fondino, o contribuiscano a fondare, un nuovo sistema.

Da soli non ci si salva !!     

con il buonsenso possiamo costruire le condizione per condivisione e meritocrazia.      

           accelerare l’innovazione e sviluppare Il buon senso

Cerchiamo volonterosi per costruire un pezzo di mondo migliore, una piccola Comunità impegnata ad inventare nuovi modi di pensare, abitare e vivere, aprirsi al lavoro produttivo. Abbiamo idee e progetti ! da proporre ! 

Creare una squadra di persone curiose, creative ed intraprendenti che prima di tutto vogliono scoprire il mondo e fornire le migliori risposte ai problemi che incontrano.

CURIOSI - CREATIVI - INTRAPRENDENTIATTIVI NEL REALIZZARE

Dalle visioni alle strategie, dalle strategie ai progetti - alle realizzazioni.

Organizzazione no profit :

– tel. mobile 347-4629179  e-mail : comitato@trazzeramarina.it

 

lettera del portavoce

L’inizio dell’anno solitamente combacia con l’auspicio di nuovi progetti.

Come portavoce del  Comitato Spontaneo Trazzera Marina,  le prime parole che mi sento di condividere sono impegno e consapevolezza. Se il primo è un elemento fondamentale per lavorare con passione e portare a casa qualsiasi tipo di traguardo prefissato, la consapevolezza è una prerogativa sempre più necessaria per comprendere le incertezze e le sfide del nostro tempo.

Sappiamo di affrontare una congiuntura storico/economica particolarmente delicata. Siamo testimoni di un cambiamento epocale che sta avvenendo nella società e nel mondo del lavoro e non dobbiamo essere spettatori passivi di questo passaggio.

Un punto cruciale da affrontare subito è ad esempio l’adesione sociale e collaborazione a tutti i livelli. 

Un panorama nuovo, che sta cambiando le regole e creando di conseguenza una zona grigia dove si perdono certezze e si riducono tutele. Questa è senza dubbio una fascia dove dobbiamo intervenire e intercettare nuove forme di intermediazione.

La prerogativa è quindi ridare linfa al sistema delle intermediazioni sociali e scommettere sul sistema Paese. 

Le piccole e medie imprese nel nostro territorio, sono una categoria chiave per la nostra economia ed è impensabile immaginare un Paese fermo al palo. È in quest’ottica che cerchiamo di dare un messaggio forte con gli argomenti divulgati in questo blog no profit.

 Detto questo nessuno deve dimenticare quello che resta l’obiettivo primario Coesione sociale e partecipazione attiva per garantire un futuro ai propri figli.

 I nostri argomenti cercano d’individuare e sensibilizzare l’opinione pubblica a fare squadra per trovare metodi a bisogni di varia natura. Attingono al campo lavorativo, come ad esempio la formazione professionale sul campo (non solo quelle degli attestati) – l’ambiente - la protezione civile - la salute, ma interessano anche la sfera privata e il sostegno alla famiglia.

Oggi nessuno può rimanere inerme e insensibile di fronte alle mutanti esigenze di ogni giorno. Siamo solo all’inizio di un percorso lungo, difficile e stimolante. E possiamo portarlo avanti solo attraverso l’unità d’intenti e una chiara visione sul futuro.

Dobbiamo quindi individuare quelle attitudini e quegli schemi che trasformino o creino situazioni diverse dalle attuali assumendo un atteggiamento, presente, attivo e consapevole.

Formare un team e riuscire a lavorare in armonia con persone nuove migliora il clima di lavoro e di conseguenza aumenta i vantaggi anche in termini di produttività.

L’innovazione sociale insegna ! a fare la differenza non è la natura ma la scala delle sfide che si vogliono affrontare e rispetto alle quali misurare la capacità di apportare cambiamenti positivi e duraturi che fondino, o contribuiscano a fondare, un nuovo sistema.

Da soli non ci si salva !!     

con il buonsenso possiamo costruire le condizione per condivisione e meritocrazia.      

           accelerare l’innovazione e sviluppare Il buon senso

Cerchiamo volonterosi per costruire un pezzo di mondo migliore, una piccola Comunità impegnata ad inventare nuovi modi di pensare, abitare e vivere, aprirsi al lavoro produttivo. Abbiamo idee e progetti ! da proporre ! 

Creare una squadra di persone curiose, creative ed intraprendenti che prima di tutto vogliono scoprire il mondo e fornire le migliori risposte ai problemi che incontrano.

CURIOSI - CREATIVI - INTRAPRENDENTIATTIVI NEL REALIZZARE

Dalle visioni alle strategie, dalle strategie ai progetti - alle realizzazioni.

Organizzazione no profit :

– tel. mobile 347-4629179  e-mail : comitato@trazzeramarina.it

intenti del comitato spontaneo che non manchiamo di rinnovare . . .

In un’era in cui sempre più le relazioni umane rappresentano un valore competitivo, il Comitato Spontaneo Trazzera Marina vuole essere un’acceleratore di relazioni al servizio dello sviluppo sociale, strumento di comunicazione e opportunità.

L’obiettivo è di raggiungere chi collabora alle idee con creatività professionalità per far nascere sinergie, collaborazioni, scambi commerciali e amicizie, consapevoli del fatto che l’economia collaborativa e di condivisione funziona, e che gli aspetti valoriali assumono importanza strategica.

In un mondo ideale, le persone guidate dal buon senso starebbero attente a non prevaricare il prossimo, ognuno dovrebbe essere in grado di esprimere naturalmente e liberamente le proprie esigenze e si darebbe  importanza ai bisogni degli altri così come ai propri.

Purtroppo non è cosi. Viviamo in una società di stampo individualistico e competitivo dove ognuno viene incoraggiato a inseguire il “proprio” obiettivo personale nella vita.

In questo non ci sarebbe niente di male sennonché la realizzazione dei propri obiettivi spesso avviene calpestando gli “spazi” delle altre persone.

Risulta quindi necessario creare un “campo” di protezione personale dove riuscire a esprimere e a far valere in modo onesto i propri diritti, punti di vista ed esigenze rispettando al contempo quelli degli altri.

Dobbiamo quindi individuare quelle attitudini e quegli schemi che trasformino o creino situazioni diverse dalle attuali assumendo un atteggiamento, presente, attivo e consapevole.

Formare un team e riuscire a lavorare in armonia con persone nuove migliora il clima di lavoro e di conseguenza aumenta i vantaggi anche in termini di produttività.

L’innovazione sociale insegna ! a fare la differenza non è la natura ma la scala delle sfide che si vogliono affrontare e rispetto alle quali misurare la capacità di apportare cambiamenti positivi e duraturi che fondino, o contribuiscano a fondare, un nuovo sistema.

Da soli non ci si salva !!     

con il buonsenso possiamo costruire le condizione per condivisione e meritocrazia.      

           accelerare l’innovazione e sviluppare Il buon senso

Cerchiamo volonterosi per costruire un pezzo di mondo migliore, una piccola Comunità impegnata ad inventare nuovi modi di pensare, abitare e vivere, aprirsi al lavoro produttivo. Abbiamo idee e progetti ! da proporre ! 

Creare una squadra di persone curiose, creative ed intraprendenti che prima di tutto vogliono scoprire il mondo e fornire le migliori risposte ai problemi che incontrano.

CURIOSI - CREATIVI - INTRAPRENDENTIATTIVI NEL REALIZZARE

Dalle visioni alle strategie, dalle strategie ai progetti - alle realizzazioni.

Organizzazione no profit :

– tel. mobile 347-4629179  e-mail : comitato@trazzeramarina.it

 

 

 

non siamo sapientini ma ! . . . divulgatori di argomenti . . .

Spesso mi chiedo in che cosa consista la vera sapienza, quella con la S maiuscola, intesa come conoscenza che è veramente in grado di farci crescere umanamente e di dare significato alla nostra esistenza.

Difficile dirlo, davvero tanto. Sì, perchè moltissime persone possono essere espertissime e competenti in un preciso settore della conoscenza, ma poi risultare assolutamente ignoranti e maldestre in altri ambiti ben più importanti ed essenziali della vita.

In questo senso un analfabeta può benissimo essere infinitamente più “sapiente” (per senso morale e sensibilità umana ) di un uomo coltissimo ma totalmente privo di ricchezza morale e quindi incapace di dare un significato alla sua stessa esistenza.
D’altronde non vi è univocità nel definire l’idea di sapienza: se ci si muove in un’ottica religiosa essere sapienti significherebbe conoscere e penetrare i dogmi della fede, ma nessuno garantisce che questa sia la via di una conoscenza autentica, anche perchè purtroppo la fede religiosa può condurre a gravi forme di fanatismo e presunzione di possedere la Verità.

  Secondo voi, in che cosa consiste la sapienza ?

Dobbiamo quindi individuare quelle attitudini e quegli schemi che trasformino o creino situazioni diverse dalle attuali assumendo un atteggiamento, presente, attivo e consapevole.

Formare un team e riuscire a lavorare in armonia con persone nuove migliora il clima di lavoro e di conseguenza aumenta i vantaggi anche in termini di produttività.

L’innovazione sociale insegna ! a fare la differenza non è la natura ma la scala delle sfide che si vogliono affrontare e rispetto alle quali misurare la capacità di apportare cambiamenti positivi e duraturi che fondino, o contribuiscano a fondare, un nuovo sistema.

Da soli non ci si salva !!     

con il buonsenso possiamo costruire le condizione per condivisione e meritocrazia.      

           accelerare l’innovazione e sviluppare Il buon senso

Cerchiamo volonterosi per costruire un pezzo di mondo migliore, una piccola Comunità impegnata ad inventare nuovi modi di pensare, abitare e vivere, aprirsi al lavoro produttivo. Abbiamo idee e progetti ! da proporre ! 

Creare una squadra di persone curiose, creative ed intraprendenti che prima di tutto vogliono scoprire il mondo e fornire le migliori risposte ai problemi che incontrano.

CURIOSI - CREATIVI - INTRAPRENDENTIATTIVI NEL REALIZZARE

Dalle visioni alle strategie, dalle strategie ai progetti - alle realizzazioni.

Organizzazione no profit :

– tel. mobile 347-4629179  e-mail : comitato@trazzeramarina.it

 

razionalità quotidiana . . .

L’analisi dei frequenti processi di scelta basati su modalità non razionali mette in evidenza la natura illusoria dell’uomo logico, un modello di perfezione creato sulla base di prototipi astratti della logica umana.

Comunemente quando si parla di razionalità si fa riferimento ad una facoltà propria degli esseri razionali, sottolineando come quest’abilità si opponga all’azione impulsiva rappresentandone l’antitesi.

Questa concezione riduttiva comportamentale, se da un lato ha permesso di far luce su alcuni aspetti del pensiero umano e del suo sviluppo, dall’altro sono state frequentemente considerate un punto di arrivo di studi che dovrebbero, in realtà, rappresentare un punto di partenza per esplorare le numerose caratteristiche che contraddistinguono i complessi processi cognitivi umani.

Il risultato dovrebbe essere il diffondersi dell’equazione pensiero = logica, la quale ha fatto in modo che il pensiero razionale, definito anche pensiero ipotetico-deduttivo, venisse considerato a lungo come il pensiero umano per antonomasia.

Per comprendere come questa forma di pensiero perfetto spesso lasci il posto ad altre forme di pensiero, è necessario ricordare che il pensiero logico consente di ragionare in modo simile ad uno scienziato, formulando un’ipotesi relativa ad eventi presenti o potenziali e verificando tali ipotesi sulla realtà, seguendo operazioni logico-matematiche (addizione, sottrazione, moltiplicazione, divisione, ordinamento, sostituzione, inclusione in classi, relazioni) e spazio-temporali (reversibilità, compensazione)

E’ facile intuire quindi come le decisioni fondate sulla logica ipotetico-deduttiva seguano le leggi e i principi della statistica e del calcolo probabilistico.

L’osservazione delle scelte in situazioni quotidiane è una preziosa fonte di studio che ha la frequente violazione di principi e di regole proprie della razionalità, mettendo in evidenza il ripetuto ricorso anche a forme di ragionamento che rientrano nella sfera del cosiddetto pensiero magico, o pensiero quasi-magico a tutti i costi.

Dobbiamo individuare quelle attitudini e quegli schemi che trasformino o creino situazioni diverse dalle attuali assumendo un atteggiamento, presente, attivo e consapevole.

Fare parte di in un team e riuscire a lavorare in armonia con persone nuove migliora il clima di lavoro e di conseguenza aumenta i vantaggi anche in termini di produttività.

Da soli non ci si salva !!  

  

con il buonsenso possiamo costruire le condizione per condivisione e meritocrazia.

                 accelerare l’innovazione e sviluppare Il buon senso

Cerchiamo volonterosi per costruire un pezzo di mondo migliore, una piccola Comunità impegnata ad inventare nuovi modi di pensare, abitare e vivere, aprirsi al lavoro produttivo.

Abbiamo idee e progetti ! da proporre ! 

Creare una squadra di persone curiose, creative ed intraprendenti che prima di tutto vogliono scoprire il mondo e fornire le migliori risposte ai problemi che incontrano.

CURIOSI - CREATIVI - INTRAPRENDENTIATTIVI NEL REALIZZARE

Dalle visioni alle strategie, dalle strategie ai progetti - alle realizzazioni.

Organizzazione NO PROFIT :

– tel. mobile 347-4629179  e-mail : comitato@trazzeramarina.it